Great docs & support

Benvenuti nel nostro nuovo sito web istituzionale.

Questo sito offre all'utenza esterna tutti i servizi previsti dalla normativa vigente: gli adempimenti amministrativi sono infatti facilmente consultabili dalla gestione prevista dai regolamenti in materia. Ulteriori servizi come integrazione ai social network, aree tematiche, aree riservate e servizi tipici del web 2.0 sono già presenti o in corso di realizzazione. La visualizzazione di tale sito è possibile anche da dispositivo mobile (tablet, smartphone). Buona navigazione a tutti!

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il territorio della IX circoscrizione è delimitato da c.so Unione Sovietica, c.so Turati, v. Camogli, c.so Bramante, sponda sinistra del Po, v. Corradino, v. Onorato Vigliani. Il territorio occupa un’interessante posizione geografica e si potrebbe definire “porta di Torino” poiché corso Unita’ d’Italia termina all’imbocco delle autostrade per Savona, Genova e Piacenza.

A breve distanza dai caselli autostradali si trova la “zona Fiere”, che in questi ultimi anni si è trasformata in un polo d’attrazione e costituisce una notevole risorsa d’opportunità anche per la popolazione scolastica.

Nel quartiere è presente un’ulteriore “porta” d’entrata ed uscita dalla città, la stazione del Lingotto, scalo utilizzato soprattutto
dai lavoratori pendolari. Per queste sue caratteristiche la zona è in continua trasformazione strutturale e demografica.

La Circoscrizione 9, suddivisa in quattro zone, due per ogni ex quartiere, che la costituiscono:
- ex quartiere Lingotto-Mercati Generali:
- zona 56-MERCATI GENERALI: Corso Unione Sovietica, Corso Bramante, Linee FF.SS, Corso Giambone;
- zona 61-CORSO TRAIANO: Linee FF.SS, Cso Traiano, V. Pio VII, V. Vigliani, Pza Caio Mario, Cso URSS, Corso Giambone;
- ex quartiere Nizza-Millefonti:
- zona 57-MILLEFONTI: Cso Bramante, V. Genova, V. Cherasco, Pza Bozzolo, Cso Spezia, V Santena, Fiume Po, Via Millefonti, Piazza Filzi, Sottopasso del Lingotto;
- zona 58-BARRIERA DI NIZZA: Fiume Po, confine Moncalieri, Pzza Bengasi, Linee FF.SS, Sottopasso del Lingotto, Piazza Filzi, Via Millefonti.

Tali suddivisioni hanno radici storiche risalenti alla fine dell'800, con la separazione attuata tra i due quartieri dal percorso della ferrovia e dallo scalo ferroviario prima e dallo stabilimento del Lingotto poi.

Negli ultimi anni, la Circoscrizione 9 ha subito varie trasformazioni relative all'organizzazione spaziale, urbanistica e sociale. È stato al centro degli interventi legati alle Olimpiadi Invernali del 2006.

 

SCUOLA PRIMARIA

Nella scuola primaria le attività sono organizzate in modo da riservare a ciascuna disciplina di insegnamento un tempo adeguato.
La normativa vigente fornisce indicazioni molto ampie sui possibili contenuti dell’insegnamento. I docenti, nell’ambito dell’attività di programmazione collegiale, operano una selezione ragionata dei contenuti. Per alcune attività, vi sono locali appositamente attrezzati e sussidi didattici specifici.
L’attività didattica è improntata a criteri che anche la “commissione dei saggi” ha evidenziato:
- sviluppo di attività di ricerca individuali e di gruppo, che insegnano a responsabilizzarsi e ad organizzare il pensiero
- riferimento alla pratica del gioco come invito a proporre contesti didattici all’interno dei quali l’apprendere sia esperienza gradevole e gratificante
- riorganizzazione delle biblioteche scolastiche, a disposizione anche degli alunni della scuola dell’infanzia;
- impiego degli strumenti multimediali
Per imparare occorre che gli alunni stiano bene a scuola e che vivano positivamente le relazioni, fra loro e con gli adulti.

Per favorire questo viene applicato, in tutto l’istituto, anche il cooperative learning. In ogni classe si attuano quindi anche modalità di lavoro cooperativo collegato a momenti di autovalutazione del bambino, che diventa sempre più protagonista del suo processo di apprendimento.
Le attività didattiche sono organizzate e svolte con modalità diverse per rendere più efficace l’intervento formativo.

 

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

L’attività didattica, modellata sui criteri evidenziate nei documenti ministeriali di indirizzo, si sviluppa, nelle sue linee generali, secondo le seguenti metodologie:
- Attività di ricerca individuale e di gruppo, con l’obiettivo di acquisire senso di responsabilità, organizzazione metodologica e capacità di lavorare perseguendo un fine specifico.
- Lavoro interdisciplinare finalizzato all’acquisizione di competenze trasversali trasferibili e utilizzabili in ambiti diversi del sapere
- Utilizzazione dei sussidi didattici disponibili nella scuola o altrimenti reperibili per il raggiungimento degli obiettivi formativi individuati.

I docenti, nell’ambito dell’attività di programmazione collegiale, operano una selezione ragionata dei contenuti. Per alcune attività, vi sono locali appositamente attrezzati e sussidi didattici specifici.

L’attività didattica è improntata a criteri che anche la “commissione dei saggi” ha evidenziato:
- sviluppo di attività di ricerca individuali e di gruppo, che insegnano a responsabilizzarsi e ad organizzare il pensiero
- riferimento alla pratica del gioco come invito a proporre contesti didattici all’interno dei quali l’apprendere sia esperienza gradevole e gratificante
- riorganizzazione delle biblioteche scolastiche, a disposizione anche degli alunni della scuola dell’infanzia;
- impiego degli strumenti multimediali
Per imparare occorre che gli alunni stiano bene a scuola e che vivano positivamente le relazioni, fra loro e con gli adulti.

 

 

Albo on line

albo on line

 
Inizio